Ancora guai per i messinesi che da ieri pomeriggio temono lo spettro di una nuova crisi idrica. Si è rotta nuovamente la condotta del ‘Fiumefreddo’ che serve all’approvvigionamento della città dello Stretto.

Il guasto si è verificato nel territorio di Sant’Alessio, nella zona jonica del Messinese, ed i tecnici dell’Amam (la società che si occupa della distribuzione dell’acqua nel capoluogo peloritano) hanno lavorato per tutta la notte per ripristinare il danno.

A Messina, a quanto si apprende, i serbatoi che garantiscono l’erogazione dell’acqua nelle case sono ancora pieni, ma si è provveduto a razionarla per evitarne lo svuotamento che creerebbe disagi maggiori.

Inoltre i tecnici stanno lavorando sulla condotta d’adduzione che resta chiusa: ecco perchè si rende necessaria la distribuzione dell’acqua.

La situazione è tenuta sotto osservazione dalla Protezione civile regionale: ieri il direttore Calogero Foti (che è anche commissario straordinario per l’emergenza idrica) si è recato sul posto.

Come si ricorderà nell’autunno scorso Messina rimase senz’acqua per diverso tempo, un caso che scosse fortemente l’opinione pubblica.

In favore dei messinesi si mobilitarono artisti e personalità della cultura.