Interi turni di servizio di soccorso svolti dalle ambulanze di Letojanni, nell’area di Taormina nel Messinese, senza medico a bordo. Ma il medico era regolarmente in servizio secondo i documenti, solo faceva l’assenteista, firmava le schede ma non andava a lavorare.

In due sono stati arrestati con questa accusa a Messina. Sono entrambi medici del servizio 118 di Letojanni e sono accusati di assenteismo e false sottoscrizioni.

I poliziotti del commissariato di Taormina hanno eseguito le misure cautelari in carcere emesse dal Gip del Tribunale di Messina Salvatore Mastroieni, su richiesta del sostituto procuratore Anna Maria Arena. Gli arresti sono scattati all’alba di oggi ma l’inchiesta è ben più vasta di così e il ruolo dei due medici potrebbe essere solo la punta di iceberg di un sistema.

Secondo le accuse, i due medici si assentavano dal posto di lavoro per interi turni di servizio, simulando la presenza e sottoscrivendo l’apposito registro. Un raggiro documentato dal 2014 all’agosto 2016 e che si sospetta debba essere stato messo in atto non da soli. Disposto anche il sequestro preventivo di denaro nella disponibilità dei due fino a pareggiare l’entità presunta del raggiro.

Leggi anche

Far West pronto soccorso e medici aggrediti

foto archivio